Regali di Natale

regaliQuesto è stato un Natale strano. O meglio, diverso. Stesse facce, stesse situazioni, stessi rituali, ma ambientazione aliena. Non del tutto negativa, sia ben chiaro, però avrei preferito le festività degli anni passati.

Malinconia a parte, anche quest’anno, come al solito, mi sono ridotto all’ultimo momento per i regali di Natale. Questo perché mi sono ripromesso di fare solo i regali veri, quelli non ricercati ma spontanei. E quando si parla di spontaneità, bastano una manciata di secondi per confezionare il presente perfetto. E così è stato.

Da parte mia, posso dire di aver ricevuto regali fantastici. Il mitico “amico fumettista” mi ha regalato “Elianto”, un romanzo di Stefano Benni; questo perché dopo aver letto “La Compagnia dei Celestini” (sempre regalatomi da lui), mi sono letteralmente innamorato di questo scrittore. E’ perfetto per il romanzo che sto editando, quello ciber-fanta-ironic-demential-chipiùnehanemetta. E poi Benni è un genio dell’ironia e della semantica. Non mi vergogno a dire di aver avuto bisogno del dizionario per decifrare alcune frasi. Un genio.

Sempre parlando di libri, mi sono poi stati regalati tutti i romanzi del ciclo “Il diario del vampiro”, di Lisa J. Smith, escluso “la messa nera”, che è stato invece ordinato in libreria. Ora, io sono sì un appassionato del genere gotico/vampiresco, ma questa saga mi sta davvero repellendo. Partendo dal presupposto che la Smith non sa scrivere, la protagonista, Elena, è insopportabile come poche. Come si può empatizzare con lei? E dire che la serie tv della The Cw che ne è stata tratta mi è pure piaciucchiata (momenti trash a parte).

Altro regalo meraviglioso è stato “Il Seme del Male”, della sempre brillante Joanne Harris. Non vedo l’ora di “assaltarlo”. Infine, mi sono regalato l’edizione “anniversario” di “Veronika decide di morire”, di Coelho, uno dei pochi romanzi che porto sempre con me, che non mi stanco mai di rileggere (Anne, non essere gelosa!).

E voi invece? Cosa vi ha portato Babbo Natale?

17 Comments

  1. Ricordo di averlo letto parecchi anni fa, sette, otto, se non sbaglio. E’ quello con una serie di racconti, giusto? Perché non mi aveva convinto molto (forse perché ero davvero piccolo), anche se a questo punto dovrei rileggerlo.^^

  2. @Stefano: Se riuscirò ad accettare l’idea, vedrò di farci un pensierino =P

    @Lauryn: Terra mi era stato consigliato sempre da quel mio amico. “Achille” no invece. Prendo nota! Su “Il Regno dei Draghi” so davvero poco… gira voce che l’autore non esista, sia stato inventato. Credo almeno! Ne parlava Gamberetta sul suo sito (ebbene sì, seguo il suo blog! XD). Poi dimmi com’è!

  3. @Luca: sì, vero, non si è capito chi sia l’autore. nella 4° di copertina c’è scritto che Julia Conrad è uno pseudonimo di una giornalista che scrive per giornali famosi, ma vai a capire chi 😀

  4. prima New Moon ed ora questo… la foto parla da sola
    Anne non essere gelosa??? GELOSA???!!!
    Anne dovrà andare in terapia per anni…

Leave a Reply

Required fields are marked*