Recensione: L’ospite

by · luglio 2, 2009

In questi giorni sto recuperano alcune recensioni che scrissi sul vecchio blog. Appena terminerò la lettura di “Wunderkind” vi farò sapere cosa ne penso!

ospiteNel futuro la specie umana sta scomparendo. Un’altra razza, aliena, potente e intelligentissima, ha preso il sopravvento, e i pochi umani rimasti vivono raccolti in piccole comunità di fuggiaschi. Tra loro c’è Jared, l’uomo che la giovane Melanie, da poco caduta nelle mani degli “invasori”, ama e non riesce a dimenticare. Neppure adesso che il suo corpo dovrebbe essere niente più di un guscio vuoto, un semplice involucro per l’anima aliena che le è stata assegnata. Perché l’identità di Melanie, i suoi ricordi, le sue emozioni e sensazioni, il desiderio di rincontrare Jared, sono ancora troppo vivi e brucianti per essere cancellati. Così l’aliena Wanderer si ritrova, del tutto inaspettatamente, invasa dal più umano e sconvolgente dei sentimenti: l’amore. E, spinta da questa forza nuova e irresistibile, accetta, contro ogni regola e ogni istinto della sua specie, di mettersi in cerca di Jared. Per rimanere coinvolta, insieme a Melanie, nel triangolo amoroso più impossibile e paradossale, quello fatto di tre anime e due soli corpi.”

Dicono che gli occhi siano lo specchio dell’anima. Mai cosa fu più vera, almeno in questo romanzo. In un mondo in cui gli uomini sono posseduti dalle Anime (entità aliene piccole e scintillanti, che per vivere hanno bisogno di un corpo ospite, di cui prendono il controllo annullandone la personalità e sostituendola con la propria) e dove la speranza sembra essere remota, Viandante soffre. Soffre perché ha preso il controllo di Melanie ma non riesce a cancellarne la voce; soffre perché Melanie era una ribelle umana disposta a tutto pur di uccidere la razza aliena e difendere Jamie, suo fratello e Jared, un ragazzo conosciuto nel corso della sua esistenza solitaria. Ma Viandante soffre anche perché sente il peso di Melanie, una dei pochi uomini non ancora dominati dagli alieni. Non pensate però alle Anime come entità maligne. Sono creature buone, che non conoscono falsità o ipocrisia. Il mondo nelle loro mani è un posto migliore. La società è pacifica e le logiche non sono dominate dal vil denaro ma dalla generosità. Un modello “utopico-comunista” per così dire, ma assolutamente efficiente. E’ l’umanità ad essere selvaggia e crudele, la sola a fare uso della violenza. Viandante accetta quindi di scendere a patti con Melanie, di accogliere le sue richieste e di andare in cerca del fratello e del suo unico amore. Col tempo però Viandante scoprirà di provare per Jamie e Jared gli stessi sentimenti di Melanie. Arriverà a diventare amica di Melanie, l’ospite che doveva sottomettere e che invece ha imparato ad amare.
Amore. Già dalla dedica del libro (in cui l’autrice ringrazia la madre per averle insegnato l’importanza dell’amore, non solo in una storia) si intuisce quale sarà l’elemento portante dell’intera narrazione. La Meyer come al solito stupisce per la semplicità della storia e l’immediatezza dello stile: il suo messaggio principale giunge forte e chiaro, senza precludere eventuali sottotematiche che poi starà al lettore scovare (l’invettiva contro il razzismo ad esempio). La storia difatti è molto scarna, si basa completamente sulle sensazioni e sugli stati d’animo dei personaggi (ancor più che nella saga di “Twilight” in cui c’era almeno un accenno di background sovrannaturale). Qui invece molto è assente, possiamo solamente intuire le “locations”. Geniale. Pochi sarebbero riusciti a rendere accattivante una storia così lineare, pochi avrebbero parlato d’amore senza scadere nel banale – almeno non troppo, perché onestamente spesso alcuni dialoghi della Meyer sono molto innaturali e stereotipati.

Consigliato non solo agli amanti di “Edward/Bella”, ma anche a chi vuole leggere un romanzo di fantascienza diverso dal solito.

PS: A voler essere pignoli, oltre al buonismo di fondo – costante nei romanzi della Meyer – si intuisce una sorta di “ateismo” latente. Si parla per tutto il tempo di personalità, il termine Anima viene usato solamente per indicare la razza aliena. Cosa vuol dire questo? Che gli uomini non hanno anima? Per alcuni, forse, è vero…

Voto: 7/10

Filed under: Romanzi

Tags:

Discussion17 Comments

  1. SiGnOrA OsCuRa scrive:

    twilight…. ho visto il film… mi sono messa a piangere… perchè era brutto ovvio, a parte quando giocano a baseball ohhhhhhhh la canzone, i movimenti, i rumori di sottofondo…. stupendi *.* … questo libro non lo so, ma danto che è stato partorito dalla stessa mente contorta…mhhhhh…. non è che mi fidi assai….

  2. Luca Centi scrive:

    E’ molto diverso da Twilight. Più maturo stilisticamente ma più povero di trama. E’ fantascientifico, ma per tutto il tempo ho avuto l’impressione che la fantasia fosse frenata. Cosa voluta spero! :P

  3. tanabrus scrive:

    No, aspetta, più povero di trama rispetto a Twilight?
    La cui trama era “ragazza normale incontra gnokko vegetariano e sbrilluccicoso che ni fa venire i pruriti, lei passa le giornate a pensare come farselo, lui a convincersi di non mangiarla. Alla fine un altro vampiro rompe gli indugi e cerca di papparsela per ripicca verso gli gnokki che frequenta. In qualche modo che il lettore non vede tutto finisce bene”?

    Immagino sarà una cosa, quindi, del tipo “gli alieni ci sono già, e hanno già preso possesso di quasi tutti. La protagonista viene posseduta, ma resiste stoicamente e dopo poco l’alieno acconsente a cercare i suoi vecchi amici scoprendo in questo delle emozioni”. Trama completa, s’intende.

    … ecco, vedi, la trama di Twilight che ho scritto è la trama effettiva del libro (usando il Gamberettiano “gnokki” al posto di “vampiri diurni dotati di superpoteri”). Quando sul blog ho recensito il tuo libro, ci ho messo un’enormità di tempo per scriverne la trama.
    No, libri la cui trama si riassume in due righe non mi piacciono granchè.

  4. Luca Centi scrive:

    Questa prospettiva mi è nuova e devo ammettere che è intrigante. Ora che ci penso quello che hai appena scritto si applica a quasi tutti i libri che ho letto! Trama di poche righe: romanzo scialbo.
    E’ geniale! *__*

  5. -Lycan- scrive:

    *____________________*

    E poi i seguiti di Twilight?
    Gnokko lascia Bella che cade in depressione e si innamora di Licantropo muscoloso e demente che a sua volta è innamorato della ragazza che però crede che il suo unico amore sia il vampiro vegetariano…?

    Riassunto n 2 righe:
    Gnokko lascia, Licantropo approfitta XD

  6. tanabrus scrive:

    Io mi son fermato al primo, l’avevo trovato scontato al supermercato e visto che ne parlavano tutti (e non avevo altri libri sotto mano) avevo fatto il tentativo…

    Degli altri libri non so nulla, ho letto solo sul blog di Gamberetta della scena d’amore tra gnokko e grulla. Degna della saga, direi :D

  7. Luca Centi scrive:

    Non siete per niente romantici U_U

    Ok, io dovrei essere l’ultimo a parlare XD

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>