1, 2, 3, prova

Primo post dal mio nuovo, primissimo macbook. Ebbene sì, alla fine ho fatto la pazzia e mi sono regalato questo cosettino piccolo e bianco, che sembra un giocattolo per bambini dai sei anni in giù. E qui sto citando una mia amica. Il giocattolino però è una bomba, sotto tutti i punti di vista. Leggendo online ho trovato una sorta di “indice delle reazioni dell’utente windows al suo primo mac”:

1: dov’è lo scontrino? ‘sto coso non mi piace!

2. oramai ci sono, tanto vale vedere come funziona…

3. ah! Ma… ma… è stupendo!

Io adesso sono tra la seconda e la terza fase. All’inizio mi sono spaventato, non lo nascondo, sia perché non ci capivo un tubo, sia perché non riuscivo a trovare un programma decente di scrittura. Alla fine il caro buon giovane Francesco mi ha aiutato con scrivener, che è abbastanza intuitivo e essenziale. Adesso mi sento un po’ come Carrie Bradshaw, manca solo la neve e una musichetta in sottofondo che scandisce le mie giornate.

Ma parliamo ora della velocità. E della leggerezza. Pur avendo avuto vari portatili, non li ho mai potuti “portare in giro”. Sembra un controsenso, ma è proprio così. Vuoi per il peso, vuoi perché si bloccavano, vuoi perché la batteria durava circa 1 minuto ecc. Col mac c’è stata la svolta. Ho già cominciato a portarlo in giro ed è una goduria accenderlo e non aspettare tre ore il caricamento. Questo però è solo l’entusiasmo iniziale; spero che si conservi, eh.

10 Comments

  1. Oddio Val, così mi spaventi! Vuoi dire che non devo mai spegnerlo? ç_ç

    Perché lo uso principalmente il pomeriggio e la notte, mai la mattina. Lo metto in stop e basta? Mi sento molto principiante in questo momento… 😛

  2. Quindi lo metto in stop, chiudendolo, e basta? Perché ho notato che anche in stop la batteria si consuma (di pochissimo comunque). Per evitare di rovinarla sto facendo così:

    -Scarico la batteria.
    -Inserisco il caricatore.
    -Quando la batteria è carica, tolgo il caricatore.

    Che dici? 😀

  3. Che puoi lasciare il “carticatore” sempre inserito e stai tranquillo che la batteria non si rovina, poi ogni due o tre mesi fai un ciclo completo di scarica e ricarica.
    Comunque non ti preoccupare troppo della sua salute, usalo nel modo per te più comodo e bon.

    p.s.: non cercare sui vari forum pareri su come gestire la batteria, esistono milioni di teorie a riguardo e non ne verresti più fuori 😆

  4. Perfetto allora, grazie per le dritte! =)

    Pensa che proprio oggi ho cercato sui forum dei consigli su come gestire la batteria e mi sono imbattuto nelle teorie più disparate (e disperate); gente che consigliava di arrivare al 2% prima di inserire l’alimentatore; altri che suggerivano di togliere la batteria a giorni alterni e via dicendo.

    Un delirio!

  5. ahahha ma Val! che inquinatore!! pure se rubasse solo l’1% di energia cosa costa spegerlo? tanto si riaccende in un millesimo il mac, mica come i windows che ci mettono un secolo 😀

    @luca: pure io sono passata per la fase: “uhmmm ora lo riporto indietro” ma è passata ben presto. per scrivere usa Openoffice, è come il pacchetto Office e ti permette di salvarlo in .doc dove necessario. non conosco scrivener ma magari è + efficace per te 🙂
    in bocca al lupo per questo battesimo del Mac!

  6. Scrivener mi sta piacendo molto, però anche open office mi ispira. Non ho tante pretese, basta che il programma riconosca la tastiera 😛

    PS: Crepi il lupo! ^^

    PS2: Sempre online si parla di antivirus e firewall. Io ho attivato il firewall interno del mac e ho scaricato la versione gratuita di macsafe qualcosa. Che ne dite? So che i mac non hanno bisogno di antivirus e roba simile, ma io sono paranoico 😀

  7. sarò imprudente, ma io non ho attivato una beata mazza e da un anno non becco più neanche uno spyware (poi magari ne sono piena e non lo so ahhahaha)

  8. Meglio averli e non saperlo! 😛

    PS3: Alla fine ho scoperto di trovarmi meglio con iwork, essenziale quanto basta e simile a word per certi aspetti. E poi è velocissimo!

Leave a Reply

Required fields are marked*