Intercettazioni Terremoto

by · febbraio 11, 2010

Oggi avrei voluto parlarvi de “Il Discepolo”, l’ultimo romanzo che ho letto e invece no. Ho trovato un articolo a dir poco agghiacciante. Lo trovate completo sul sito de “La Repubblica“, mentre la parte incriminata è qui.

Il succo? E’ stata intercettata una conversazione tra gli imprenditori Francesco Maria De Vito Piscicelli, direttore tecnico dell’impresa Opere pubbliche e ambiente Spa di Roma e il cognato Gagliardi.  La conversazione è davvero squallida. In sostanza, al di là del “quanto sono bravo che aiuto i poveri scemi terremotati”, uno dei due dice: “Io stamattina ridevo alle tre e mezzo dentro al letto”.

Come sputare nel piatto in cui si mangia. La cosa non mi stupisce più di tanto, è dal 6 Aprile che si specula sul terremoto; fenomeno mediatico prima, vetrina elettorale poi.

E il bello è che si tratta solo della cima dell’iceberg! Scavando stanno uscendo cose assurde. Perché allora sono convinto che cadranno presto nel dimenticatoio?

Filed under: Drammi Quotidiani

Tags:

Discussion8 Comments

  1. Lauryn scrive:

    poveracci loro se hanno bisogno dei disastri della gente per camparci…

  2. Andrea scrive:

    Mi dispiace, Luca. E continuo a dispiacermi per tutti quelli che continuano a votare gente che con la Politica, quella Alta, non ha nulla a che fare. Pensano soltanto a far soldi a qualsiasi prezzo (si veda la Maddalena). E presto avremo perfino un Ministro delle Ripassate.

    Va bene così, Italia, continua a dormire…

  3. iri scrive:

    °_° è agghiacciante

  4. Valberici scrive:

    Siamo in democrazia, che ci vuoi fare…. :(

  5. imp.bianco scrive:

    Che schifo… :(

    X-Bye

  6. Agente Smith scrive:

    ecco perchè anche se sono contento di essere nato in Italia vorrei davvero che prendessimo esempio da altre nazioni ( sono stato in Irlanda per 3 mesi, se avessimo la metà dello spirito che hanno loro queste cose non accadrebbero)

  7. Luca Centi scrive:

    Scandalo intercettazioni. Scandalo appalti. Scandali ovunque. Non dovrei più sorprendermi, ma alcune cose è meglio immaginarle che sentirle o leggerle. Squallide, raccapriccianti, io mi sentirei male anche solo a pensarle. Arrivare a sfruttarle invece… mah!

  8. Blakie scrive:

    Decisamente inquietante. :-o

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>